L’arte di stare in casa

Me l’ha suggerito mia figlia dopo aver visto questo meme che ho realizzato per promuovere #iorestoacasa, la campagna contro la diffusione del coronavirus.

vignetta stare a casa

“Perché non fai un post con i dipinti di persone che stanno a casa?”
Ci ho pensato un po’ e poi mi sono detta: ma sì… è importante far capire che stare in casa non è una condanna ma anche un’opportunità per riscoprire il proprio mondo privato e tutto ciò che si può fare al chiuso delle nostre mura (oltre al lavoro, per chi può farlo).
E cosa c’è di meglio dell’arte per lasciarsi ispirare?

La pittura di genere, nata in Olanda e Fiandre tra Cinquecento e Seicento, è proprio il filone giusto per guidarci. L’ho già raccontata in questo articolo ma oggi mi voglio soffermare solo sulle scene domestiche e sulle attività individuali, nei dipinti dell’Ottocento o giù di lì.

Gran parte di questi quadri mostra persone intente nella lettura. Leggono soprattutto le donne, perché restavano tanto tempo in casa.

Carl Vilhelm Holsøe

Leggono libri, quotidiani, cataloghi d’arte, lettere e generalmente sono accanto a una finestra.

Donne che leggono alla finestra

Ma leggono anche gli uomini, le bambine e i bambini.

lettori in pittura

Mi pare che come suggerimento possa essere accolto in pieno. Quanti libri avete comprato e lasciato nello scaffale in attesa di aver tempo per leggere? Ecco, adesso quel tempo ce l’avete!

Ma continuiamo la nostra esplorazione. Anche perché non si può passare un giorno intero a leggere… Potremmo, ad esempio, metterci a scrivere. Lettere vere, quelle di carta, o un diario di questi strani giorni. Nei dipinti lo fanno in tanti, perché noi no?

scrivere a casa

Ma, a meno che non siate degli scrittori, anche questa attività non può riempire la vostra giornata casalinga. Allora perché non fare un po’ di musica? Magari avete da qualche parte una chitarra, o non aprite da qualche secolo il pianoforte…
Impariamo dai dipinti: là musica se ne fa tanta!

suonare nei dipinti

Bene, avete finito di strimpellare? Adesso passiamo al giardinaggio. Sicuramente sul balcone c’è un geranio che invoca pietà… magari non è il momento giusto per tutte le piante, ma qualche rinvaso, qualche pulizia dalle foglie morte direi di farla.
Ecco come ce lo raccontano i pittori.

giardinaggio in pittura

A questo punto si è fatta ora di merenda. Ma dobbiamo farla completa di fiori sul tavolo, tè caldo, cioccolata e biscotti. Nei quadri fanno sempre così!

la merenda in pittura

Certo, è probabile che ad alcune di queste belle dame il tè gliel’abbia servito una cameriera, ma noi sapremo cavarcela da soli, vero?
E siccome non siamo dame né signori dell’Ottocento potremmo anche dedicarci un po’ alle faccende domestiche. Il 21 marzo non è lontano, un po’ di pulizie di primavera ci stanno a pennello.

pulire casa

Nei dipinti è un compito femminile, ma ritengo che gli uomini siano in grado di farlo benissimo! Così come il bucato e tutte le altre attività raccontate in questo post.
In questi lunghi giorni domestici l’occasione è perfetta per svuotare quella cesta dove i calzini giù nel fondo stanno cominciando a decomporsi.

fare il bucato

Certo, ai tempi non c’era la lavatrice e fare il bucato non era esattamente una passeggiata. Però si stende oggi come allora, e nelle belle giornate è proprio un piacere!

stendere il bucato

Dopo aver steso probabilmente qualche camicia avrà bisogno di una stirata. E, chiaramente, nella pittura c’è pure questo!

stirare il bucato

Scommetto che in mezzo al bucato c’è qualche calzino da rammendare. E allora bando alla pigrizia: ago e filo come nei quadri!

cucire

Se ce l’avete magari potete dare una cucita a macchina a quelle tende che languono nell’armadio o alla tovaglia che si sta sfilacciando.

cucire a macchina

Quando si sarà fatta ora di pranzo rimbocchiamoci le maniche. La cucina è il regno della creatività e l’arte non se l’è fatta mancare.

cucinare

Ma ogni tanto ci può far bene prendere una boccata d’aria. Basta affacciarsi al balcone o alla finestra e il mondo torna dentro casa.

affacciarsi

Certo, rispetto a quello che oggi possiamo fare in casa, come guardare la TV o navigare in Internet col computer, le possibilità di “svago” erano forse minori. Ma ce n’erano alcune che invece abbiamo abbandonato. Ad esempio il disegno e la pittura.

dipingere in casa

Ma se andiamo ad esplorare un altro po’, il quadri ci raccontano un’infinità di momenti domestici che possono ispirarci. Ad esempio la cura degli animali.

animali in casa

Naturalmente capiteranno dei momenti di pura noia. Ma il vuoto di qualche pomeriggio, che sembra non passare mai, potrebbe essere anche salutare. D’altronde si annoiavano anche nei dipinti…

noia

Se siamo riusciti a riempire per bene le nostre giornate casalinghe ci meritiamo un po’ di riposo supplementare. Senza sveglia, per recuperare energie. E anche su questo fronte gli esempi dipinti non mancano di certo. Ne ho già parlato a proposito dei dormienti nell’arte ma qui ne ripropongo qualcuno.

dormire

Insomma, stare a casa non sarà la fine del mondo se sapremo fare tesoro di questo nuovo tempo, così diverso.
Per quanto riguarda me, continuerò a fare quello che faccio ogni giorno: immergermi tra le opere d’arte in cerca di storie da raccontare

Alla prossima!

 

Potrebbero interessarti anche...

88 Risposte

  1. laura regalia ha detto:

    Ancora una volta mi stupisco della creatività e originalità dei tuoi articoli. Ti ringrazio per la passione, contagiosa, con cui affronti il tuo lavoro. Anche con i miei ragazzi abbiamo realizzato elaborati e video per stimolare la creatività e la riflessione personale, anche nei due mesi di quarantena…e sono stati bravissimi..

  2. Anna ha detto:

    Grazie, Emanuela per questa bellissima raccolta.
    Sono un’insegnate di scuola media e i miei ragazzi hanno potuto trarre spunto da queste immagini per elaborare foto di situaziazioni analoghe realizzate nelle loro case.
    Volevo chiederti se posso inserire nella pagina facebook della scuola alcuni di questi lavori in cui compare il lavoro dell’alunno con accanto il dipinto di riferimento preso dal tuo sito (abbiamo creato una bacheca di lavori a testimonianza di questo particolare periodo).
    Grazie ancora, il tuo sito è stato utilissimo per la didattica a distanza, e non solo !

  3. Veronica Rossetti ha detto:

    Buongiorno Emanuela! Seguo e stimo il tuo lavoro, il sito e il blog da molto tempo; trovo le tue idee per la didattica originalissime e geniali. Sono una docente di liceo artistico e con questo e altri post, in questo periodo di quarantena, ho creato degli spazi di riflessione e di lavoro straordinari, stimolanti e divertenti! Questo post è diventato il fulcro di intense video lezioni con due mie classi, lo spunto per rielaborare un momento di grande difficoltà insieme ai miei studenti; ne sono scaturiti lavori grafici e pittorici bellissimi, a tratti commoventi!
    Tanto interessanti che con il mio collega di sostegno, vorremmo farne una mostra online, prima della fine della scuola. Mi piacerebbe mostrarti questi lavori e sarebbe un grande piacere, anzi un onore, averti come “madrina virtuale”, ovviamente, del nostro allestimento virtuale!
    Un grande ringraziamento per il tuo preziosissimo lavoro!
    Veronica

  4. Ilaria ha detto:

    Ho scoperto adesso il tuo sito, grazie a “Nuovo e Utile” di Annamaria Testa.
    Ma che meraviglia!!! Sto riscoprendo la passione per l’arte! E i quadri che hai postato nell’articolo sono uno più bello dell’altro… Non solo, ma soprattutto complimenti per l’originalità! Da ora in poi, inizio a seguirti!

  5. Ilaria ha detto:

    Ma sei meravigliosa! La scoperta più bella del web in questi tempi!

  6. Gianna ha detto:

    Grazie Emanuela
    Il tuo blog è una delle cose più belle che si possano incontrare sul web……e in questi giorni così tristi ,leggere e scrutare nel tuo sito è ritornare a vivere….
    Gianna

  7. Jutta Kraft ha detto:

    Complimenti x il gran lavoro, glie effetti incantevoli e grazie x il divertimento! Ricevuto il link dall’amica a Padova, diffusi fra gli amici qui frattempo tanti tedeschi e svizzeri godono l’arte speciale e i consigli utili in questo periodo difficile 🙂 ! Tanti auguri x il benessere e la salute a tutti al sud da noi al nord, Jutta da Amburgo

  8. stefania lembi ha detto:

    Grazie Emanuela, in questi giorni girano tante cose da condividere, la tua è una delle più belle, è piaciuta a tutti quelli cui l’ho inoltrata

  9. João Sousa ha detto:

    Uma maravilha.

  10. luisa Feijó ha detto:

    Meraviglioso!

  11. Carlo ha detto:

    Complimenti,un bellissimo lavoro. Da appassionato della pittura italiana dell’800,mi piacerebbe una cosa analoga per i pittori italiani,non molto presenti tranne il capolavoro di Casorati

    • Ciao Carlo, grazie per l’apprezzamento. Ho fatto questa ricerca considerando tutta la pittura dell’Ottocento, inclusa quella italiana, ma non ho trovato le immagini che mi servivano 🙂

  12. Rosalea ha detto:

    Complimenti! È molto azzeccato per il periodo!

  13. Maria germana ha detto:

    Brava, una bellissima idea,ed un bel lavoro!grazie.

  14. Francesca ha detto:

    Grazie per questo articolo molto interessante e coinvolgente! Sembra quasi che tutti gli artisti si siano messi d’accordo per darci un pò di consigli su come trascorrere questo tempo inatteso.

  15. Cristina Castellari ha detto:

    Grazie Emanuela, come sempre hai preziose idee che ci incentivano a guardare l’arte e farla conoscere ai nostri ragazzi. Anche io girerò questo post ai miei alunni delle medie (insegno arte) che sono a casa non meno disorientati di noi. Salviamo il mondo con la bellezza!
    Cristina Castellari di Genova

  16. Efisia ha detto:

    Veramente molto piacevole e stimolante. Posso girarlo ai miei alunni delle scuole medie?
    Grazie per l’incoraggiamento a essere sempre creativi!

  17. Anna ha detto:

    Bellissimo ,proprio emozionante .Mi sembrava di vedere realmente alcune di queste scene in casa mia.

  18. ADRIANO DI BARBA ha detto:

    Ahimè! Tranne pochissime eccezioni, solo donne!

    • E perché ahimè? Era normale in quell’epoca. Ma nell’articolo ho precisato che la mia proposta non ha genere. Dunque, caro Adriano, pronto a fare il bucato e stirare le camicie? 😉

  19. Enzo ha detto:

    Complimenti, una bella idea e un’ottima scelta di dipinti accostati con intelligenza ed humor.
    Enzo Gallitto

  20. Rosalia Rizzuto ha detto:

    Bellissima raccolta, deliziosa ed interessante l’idea.

  21. Camilla ha detto:

    …io ,negli anni,ho cercato ,per quanto potessi ,di vivere così.La vita in casa ,se si ha immaginazione, e’ ricchissima.Grazie per la bella raccolta di immagini.

  22. Vanna Longo ha detto:

    Una scelta appropriata e pertinente che mi ha convinto! Complimenti!

  23. Carme Miquel i Catà ha detto:

    da Barcellona, grazie mille!
    anche noi siamo a casa….

  24. Antonella ha detto:

    Grazie di cuore, bellissimo lavoro!

  25. Rita Saliba ha detto:

    Mi metterei a sognare dì tutto quello che ho desiderato e mai avuto…chiudo gli occhi e viaggio nei ricordi della mia infanzia anche se mancavo di tante cose…ma sognando avevo tutto.. dalla bella bambola ,(mal avuta) all’Amore del principe azzurro che sorridendo mi stringeva sul Suo cuore ♥️ con dolce tenerezza.

  26. Anna ha detto:

    Ripassare la storia dell’arte con il supporto di tante belle immagini scalda il cuore e rinvigorisce la mente. Grazie!

  27. Marco ha detto:

    Grazie mille cara amica dell’Arte, un caro abbraccio forte da Marco Mello e Livia.

  28. Catuogno Maria Gisella ha detto:

    Grazie! Davvero un bellissimo post:-)

  29. Elisa ha detto:

    Una ventata di bellezza e di ottimismo… ciò di cui abbiamo più bisogno in queste giornate. Grazie a te e a tua figlia ; )

  30. Monique Bailleau ha detto:

    C’est un véritable condensé artistique de tout ce que la peinture de chacun de ces auteurs à pu nous donner à admirer.

  31. Assunta Luciano ha detto:

    Attraverso questa carrellata di dipinti d’ autore ci è stato dato un consiglio e una spinta verso i tanti modi e le varie attività da poter svolgere nello stare necessariamente in casa in questo periodo di seria emergenza, senza annoiarsi lo , a parte la cura della casa e la cucina , ho numerevoli possibilità di impiego del tempo. Consultazione di libri d’Arte che mi fanno spunti x lavori di decoupage e di creare post x i miei contatti virtuali, letture di libri e pubblicazioni varie che mi fanno conoscere la storia della mia città, Avellino, nella sua trasformazione attraverso i secoli.Io che sono una novantaduenne posso rendermi conto di quanti cambiamenti ha avuto la città in cui ho sempre vissuto.

  32. Silvio ha detto:

    Complimenti a Lei e sua figlia per una cosi´incoraggiante e luminosa idea ,quante belle attivita´possiamo svolgere riscoprendo i nostri sentimenti verso le cose belle !!Grazie e avanti tutta!!!

  33. Sonia ha detto:

    Magnifico!
    Brava Emanuela!!

  34. Gabriella melis ha detto:

    Bellissima rassegna ma… tra tante attività ci dimentichiamo la preghiera?

    • Non appartiene alle mie abitudini 🙂

      • Sara Zannoni ha detto:

        Sì, è vero, oggettivamente…manca la preghiera: nell’arte c’è!

      • Se è per questo nell’arte “casalinga” c’è anche chi lavora a maglia, chi ascolta il grammofono, chi danza, chi si ubriaca, chi si lava in una tinozza. È ovvio che questi articoli sono una mia personale selezione, non un’enciclopedia della scena di genere. E se posso scegliere permettetemi di mettere le attività che preferisco. La preghiera non è tra queste 🙂

  35. Chiara ha detto:

    Complimenti per il post! Non conoscevo questo sito, ma d’ora in poi tornerò a consultarlo, anche se non sono una vera e propria appassionata d’arte…

  36. topylabrys ha detto:

    Bello! La creatività è sempre vincente !

  37. Mario Di Simone ha detto:

    Ciao Emanuela, ogni occasione e’ buona per fare arte!!

  38. Annamaria ha detto:

    Grazie. Meravigliose queste opere…. Vorrei tornare a dipingere.

  39. alessandra ha detto:

    una lettura davvero molto piacevole, grazie

  40. Edi Bray ha detto:

    Grazie per il grande vuoto che hai colmato: quello delle opere d’arte che non potrò vedere e dei musei che non potrò visitare fino al cessato allarme sanitario!

  41. Rita ha detto:

    Magnifica interpretazione! Grazie!

  42. Andreina ha detto:

    Complimenti,
    avete avuto una bella intuizione

  43. GemmaFiorentini ha detto:

    Visto che dobbiamo chiudere la porta sei venuta tu ad aprire le finestre.
    Quadri e suggerimenti molto apprezzati. GRAZIE!

  44. Mario Cifariello ha detto:

    Davvero un percorso interessante, ricco di suggestioni e spunti di riflessione. Grazie e complimenti!

  45. serena ha detto:

    Super, ottima base da cui partire per proporre esercitazioni in questi giorni. Un caro saluto, con stima professionale

  46. Marino Calesini ha detto:

    Grazie molto interessante

  47. Valerio Cosentino ha detto:

    o mamma mia! ci hai come sempre fatto vedere (e scoprire) tanti bei quadri.
    ma erano quasi tutte donne, gli uomini non ci sono, a casa
    (scherzo, naturalmente, quei quadri rappresentano una realtà…)

  48. Luisa ha detto:

    Grazie per la compagnia.
    Sursum Corda.
    A presto.

  49. Mila ha detto:

    Bella raccolta, alcuni quadri mai visti.
    Grazie . Tanti baci … disinfettati.

  50. Roberta Ceolin ha detto:

    Sei fantastica come sempre, oggi forse di più! Buon “lavoro” allora, anche a te.
    Un caro saluto. Roberta Ceolin

  51. Serafina ha detto:

    Complimenti tanti tanti. Bellissimo articolo…grande!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.