Tutti pazzi per i labirinti!

Alzi la mano chi non è mai rimasto affascinato dai labirinti! L’idea di smarrirsi e ritrovare l’uscita è una sfida alla quale pochi si sottrarrebbero…

Si tratta di un’attrazione che affonda le radici nella notte dei tempi: per ritrovare le origini del labirinto dobbiamo andare, infatti, molto indietro. Le prime immagini appaiono già nelle incisioni rupestri come quelle della Val Camonica nell’immagine qui sopra. Antichissimo è anche il mito del Minotauro, mostro leggendario chiuso dentro un labirinto sull’isola di Creta ed ucciso da Teseo, che riuscì poi ad uscire grazie al provvidenziale filo datogli da Arianna.

Ma non è detto che ci si debba sempre perdere nei labirinti: quelli medievali, ad esempio, disegnati sui pavimenti delle chiese, sono percorsi senza vicoli ciechi, lunghi e tortuosi, nei quali l’uscita si trova dopo aver raggiunto il centro e aver ripercorso la strada a ritroso. Simboleggia il pellegrinaggio dei fedeli e spesso veniva percorso in ginocchio.

Questo tipo di labirinto, definito “unicursale” o “classico”, è quello che gli inglesi chiamano “labyrinth”. Quello che disorienta davvero, dotato di diramazioni e trappole, è detto, invece, “multicursale” o “manierista” (per gli inglesi “maze”). In effetti è solo dopo il Rinascimento che il labirinto comincia a diventare un bizzarro luogo di svago dove perdersi per puro divertimento!

Non mi interessa comunque, in questa sede, approfondire l’evoluzione del labirinto, quanto la valenza didattica dello studio e della creazione di labirinti.

Cominciamo dal disegno: per esercitarsi nell’osservazione di un labirinto unicursale non c’è attività migliore che copiare gli schemi di alcuni esempi celebri come quello sul pavimento di San Vitale a Ravenna e quello inciso sulla facciata del duomo di Lucca.

Troppo facile? Allora provate a rifare quello disegnato da Keith Haring

Oppure quello multi-dimensionale di Escher… 😉

Superata la fase della copia è il momento di imparare a disegnare un labirinto di sana pianta. Esistono dei metodi grafici piuttosto semplici per creare labirinti unicursali quadrati o tondeggianti. Qui sotto trovate un paio di esempi.

Ma se la pigrizia vi assale potete utilizzare anche dei comodi software online che generano dei labirinti in base ai parametri da voi forniti (ad esempio Maze Generator).

Sono convinta, però, che la cosa più divertente sia costruire dei labirinti veri! Uno degli esempi più spettacolari credo che sia quello fatto con 250.000 libri dai brasiliani Marcos Saboya e Gualter Pupo.

Più delicato ma ugualmente sorprendente è il labirinto di sale di Motoi Yamamoto, un vero dedalo di micro-percorsi realizzati versando strisce di sale sul pavimento.

Certo il fascino di un labirinto vegetale (di siepi o di lavanda che sia) è assolutamente imbattibile, ma costruirne uno non è esattamente un’attività didattica delle più semplici…

Può essere più facile crearne uno con il collage (come quello di Catherine Anderson), con il patchwork (vedi Lisa Penny) e persino con le cravatte (Oreste Ruggiero).

Volendo giocare un po’ all’aperto è possibile realizzare dei labirinti anche utilizzando le pietre o la neve

Più concettuale ed insolito è invece il labirinto pensato da Michelangelo Pistoletto, fatto di rotoli di cartone ondulato nei quali il visitatore si può insinuare modificando la forma del percorso.

E voi? Di che materiale sarà il vostro labirinto? Non resta, come sempre, che l’imbarazzo della scelta…

Potrebbero interessarti anche...

25 Risposte

  1. M.Grazia ha detto:

    Grazie. Da poco ho scoperto Didatticarte e cercavo l’appiglio per farlo conoscere ai miei ragazzi dell’Istituto tecnico economico nel quali insegno, questo post è perfetto per parlare di Manierismo e Barocco.

  2. maria rivelazione ha detto:

    chebbellooo!!!

  3. Fabrizio ha detto:

    Che bel post! E che bel blog il tuo. Piace molto ai miei studenti d’italiano, che sono principianti ma sanno apprezzare le belle cose!

  4. Ecce Home ha detto:

    Interessantissimo questo post. Darò uno sguardo al blog e sono sicura che mi piacerà.

  5. AGOSTINO ha detto:

    —— 8 —–

  6. Grazia Salamone ha detto:

    Antichi labirinti: stateri d’argento di Knossos (Creta), 360-320 a.C. (al rovescio; al diritto, testa di Demeter).
    Complimenti! Sto per pubblicare un post sul labirinto e vi citerò senz’altro. Mi occupo di iconografia monetale (e non solo…) e sono ormai giunta alla conclusione (dopo qualche anno di ricerca…) che #CoinAsTweet!
    Ciao!

  7. Chiara ha detto:

    Grazie per questo articolo, davvero molto interessante!

  8. Josadarque ha detto:

    Todos maravilhosos, principalmente o labirinto-vegetale. Gostaria de saber onde se localiza esse labirinto vegetal que tem umas pontes brancas. Obrigado!

  9. tullio ha detto:

    Molto bello! Sto pensando che il tema interdisciplinare del labirinto possa essere il fil rouge per la mat e sci del prossimo anno (insegno alla scuola media, Roma).

  10. Emma Tassi Carboni ha detto:

    Sempre meravigliosi i tuoi blog. Grazie. Io e i miei studenti ti siamo debitori di momenti magici trascorsi con l’Arte!

  1. 3 dicembre 2013

    […] I labirinti, la loro storia e come disegnarli  […]

  2. 10 febbraio 2014

    […]   […]

  3. 19 marzo 2014

    […] Tutti pazzi per i labirinti! […]

  4. 14 giugno 2015

    […] Gli elementi da prendere in considerazione riguardano la triade opera-artista-contesto come specificato in questa scheda: Vi racconto il Pantheon. Molti lettori del blog mi hanno raccontato di aver sbagliato la risposta alla domanda sulla copertura del Pantheon, il famoso edificio romano, partecipando al test “Quanto ne sapete di storia dell’arte? Tutti pazzi per i labirinti! […]

  5. 30 luglio 2015

    […] DIDATTICARTE: Tutti pazzi per i labirinti! […]

  6. 22 giugno 2016

    […] narra che Dedalo e Icaro furono imprigionati dal re Minosse per aver aiutato Teseo a fuggire dal labirinto che lo stesso Dedalo aveva ideato. Per fuggire questi costruì per sé e per il figlio delle […]

  7. 22 giugno 2016

    […] e così, un paio di settimane fa, ho chiesto ai ragazzi di seconda non solo di ridisegnare il labirinto del pavimento della Basilica di San Vitale a Ravenna (che è già complicato di suo…), ma […]

  8. 3 dicembre 2016

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *