Tutta l’arte attorno all’uovo

È solo un caso che questo post arrivi a Pasqua. L’idea delle uova nell’arte, infatti, mi è venuta quando ho scoperto che Lucien Freud ha dipinto un delizioso quadretto con quattro uova e un suo autoritratto su un guscio d’uovo. Una vera sorpresa per un pittore di volti e corpi nudi disfatti!

uova-freud

Come sempre mi è scattata la curiosità di esplorare questo tema raccogliendone gli esempi su Pinterest e cercando di tornare indietro nel tempo. Tanto indietro da scoprire che già in epoca preistorica gli uomini decoravano le uova di struzzo e le utilizzavano come boccali per i riti religiosi.

Fenici ed Egizi, in particolare, ne hanno lasciato esempi davvero interessanti.

uova-preistoria

Una tradizione che non si è mai persa: decorare le uova è un gioco ma anche una pratica artistica di grande virtuosismo come testimoniano le pysanka, le uova pasquali dell’Ucraina.

uova-pysanka

Ho scovato anche alcuni antichi vasi greci a forma di uovo utilizzati come corredo funerario intorno al V secolo a.C.

uova-vasi-greci

È chiaro che quella dell’uovo non è una forma come tante: è facile, infatti, associarlo alla nascita e alla rigenerazione. Il mito dell’uovo cosmico, da cui avrebbe avuto origine l’universo, è nato migliaia di anni fa e, un po’ come l’albero della vita, ha attraversato tutte le culture mantenendo sempre il legame con il concetto di vita e di rinascita.

Con il Cristianesimo l’uovo simboleggia anche la resurrezione (per questo si regalano a Pasqua) e fin dal Medioevo è associato alla Maddalena che in tante immagini sacre ne tiene in mano uno, spesso di colore rosso.

uovo-maddalena

La forma dell’uovo, inoltre, sembra fondere il cerchio (simbolo del divino) e il triangolo, direzione dell’ascesi mistica, confermandone la forte carica simbolica.

Eppure si tratta di un oggetto apparentemente semplice, dalla geometria essenziale… per disegnarlo, infatti, bastano pochi passaggi.

uova-disegno

L’uovo torna a far capolino nel Rinascimento con la “Sacra Conversazione” che Piero della Francesca dipinge nel 1474. Qui l’uovo di struzzo allude alla maternità della Vergine, ma è anche un elemento dello stemma dei Montefeltro.

Naturalmente ha anche una funzione spaziale: l’uovo, colpito dalla luce proveniente da sinistra, è appeso alla conchiglia in ombra. Questo significa che c’è una certa distanza tra l’uovo e la nicchia, altrimenti sarebbe rimasto in ombra anche l’uovo.

Se non ci fosse l’uovo (come nell’immagine di destra) lo spazio dietro i personaggi apparirebbe meno profondo. Quell’uovo sembra così indispensabile che non ci si accorge neanche del fatto che non produca ombre!

uovo-brera

Degli stessi anni è il “Concerto nell’uovo” di Hieronymus Bosch. Nonostante l’originale sia andato perduto, la copia non ha perso nulla della bizzarra ironia del pittore olandese e del suo amore per i simboli e il mistero.

Il coro sbuca da un uovo filosofale, il contenitore che gli alchimisti utilizzavano per operare le trasmutazioni della materia. Un uomo ha un imbuto capovolto sulla testa, simbolo di follia. Il monaco in primo piano, invece, è talmente preso dalla musica che non si accorge che qualcuno, da dietro, gli sta rubando il sacchetto dei soldi…

uovo-bosch

Nessun esoterismo, invece, in Diego Velazquez. Nella sua “Vecchia che cucina le uova” del 1618, l’uovo è solo cibo, umile per giunta.

D’altra parte siamo nell’epoca che ha inventato la scena di genere, il ritratto di momenti quotidiani privi di ogni ulteriore significato. Nulla di strano che anche l’uovo perda i suoi attributi cosmici e filosofici e finisca… strapazzato!

uova-velazquez

A metà strada tra la scena di genere e l’allegoria è il dipinto di Pieter Bruegel il Vecchio dal titolo “La danza dell’uovo” del 1620. La scena raffigura un ballo popolare che si faceva in primavera per festeggiare il rifiorire della natura.

Non è un caso, quindi, che la danza avvenga intorno a un uovo, che andava spinto delicatamente dentro un cerchio e coperto con una ciotola. Il tutto con i piedi…

uovo-danza-bruegel

Ma le uova, si sa, son delicate. E romperle nel paniere è davvero un bel guaio! Un dramma a cui Jean-Baptiste Greuze ha dedicato una tela del 1756.

uova-rotte-greuze

Ci vorranno più di cento anni perché l’uovo ricompaia in un dipinto. E sarà ad opera di Paul Cèzanne con la sua “Natura morta con pane e uova” del 1865. Un esercizio di osservazione vagamente caravaggesco. Un’anticipazione di quella sua ricerca di forme assimilabili al cilindro, al cono e alla sfera.

uova-cezanne

Ma di lì a poco l’uovo sarebbe diventato protagonista assoluto di una delle collezioni più sfarzose della storia. Nel 1885 Peter Carl Fabergé cominciò a realizzare per gli zar di Russia le famose uova di Pasqua in oro, argento, porcellana, vetro e pietre preziose.

Una serie di 52 esemplari, creati fino al 1917, traboccanti di gemme e decori. Talmente esuberanti da risultare quasi insopportabili!

uova-faberge

Per tornare ad un uovo più essenziale, che recupera tutta la sua pulizia formale, bisogna attendere gli esperimenti fotografici di Man Ray degli anni Venti e Trenta.

uova-manray

Per ritrovare anche i significati simbolici dell’uovo bisogna, invece, guardare a René Magritte. Nei suoi dipinti surrealisti l’uovo, in gabbia o nel nido, torna a racchiudere un segreto, a raccontare un divenire.

uova-magritte

L’uovo come oggetto solitario, misterioso, accarezzato dalla luce, è anche il soggetto preferito di Josef Sudek che per decenni ne ha raccontato la sua bellezza essenziale in decine e decine di scatti.

uovo-sudek

Oggetto surreale e metafisico per eccellenza, l’uovo non era sfuggito né a Giorgio De Chirico

uovo-dechirico

… né a suo fratello Alberto Savinio che ne nasconde tanti tra cataste di giocattoli abbandonati.

uova-savinio

Ma il vero uovo surreale non poteva che essere quello di Salvador Dalì. È l’uovo in cui si trasforma la testa di Narciso, è l’uovo fritto in padella che penzola dal cielo, è l’uovo da cui nasce, addirittura, l’uomo nuovo.

uovo-dali

Un uovo come un utero primordiale, dentro cui Dalì vorrebbe ritrovarsi (e tornare alle origini non si dice, appunto, “ab ovo“?).

uovo-dali-foto

Di Piero Manzoni e delle sue uova dadaiste firmate con l’impronta del pollice ho già parlato…

manzoni-uova

Per Lucio Fontana, invece, l’uovo è la “Fine di Dio”. Parlando della sua serie di tele forate, Fontana spiega: “Per me significano l’infinito, la cosa inconcepibile, la fine della figurazione, il principio del nulla“.

uovo-fontana

Non la pensava così Felice Casorati, che di uova e di figurazione se ne intendeva parecchio!

uova-casorati

Gruppi di uova simili si trovano anche nei lavori di Andy Warhol. Nel suo caso, però, pur partendo dall’osservazione della realtà fatta con le Polaroid, Warhol arriva ad un risultato completamente grafico, in cui dell’uovo resta la sagoma, riempita di colori vivaci.

uova-warhol

Quelle davvero pop sono le uova di Jeff Koons: impacchettate con tanto di alluminio colorato e un gran fiocchettone, o già rotte e scoperchiate, sono la parodia gigantesca dell’uovo di Pasqua.

uova-koons

Un tema, quello delle uova giganti, al centro della campagna di beneficenza lanciata da qualche anno proprio da Fabergé. A Londra e New York decine di uova d’artista vengono collocate all’aperto richiamando l’usanza della “caccia all’uovo“, la tradizione anglosassone di cercare nei giardini le uova nascoste dal coniglio pasquale…

uova-caccia

Chiassose, divertenti sicuramente. Ma non sembrano particolarmente misteriose…

A me, invece, piacciono le uova con la sorpresa. Sarà la mia parte infantile, sarà che amo l’ironia e il non-sense. Ma le uova che preferisco sono quelle di Chema Madoz.

uova-madoz

Uova che rimettono in gioco le nostre certezze. Uova che sono il prima ma anche il dopo.

Uova, come nell’opera di Escher, che ci ripropongono l’eterno dilemma: “Ma è nato prima l’uovo o la gallina?”

uovo-escher

Potrebbero interessarti anche...

21 Risposte

  1. Liliana ha detto:

    Molto bello e interessante!

  2. Sileno ha detto:

    Ci vuole una straordinaria bravura per collezionare tanta arte con un tema come l’uovo; e poiché siamo in tema: Buona Pasqua!

  3. gabriella speranza ha detto:

    Ottimo articolo, pieno di immagini alcune delle quali poco note ma molto interessanti.Complimenti e…buona Pasqua!!

  4. irene calvano ha detto:

    bellissimo excursus

    grazie

  5. luise sara ha detto:

    fare un salto nel passato sino ai giorni nostri grazie ad un uovo nessuno ci farebbe caso incredibile brava delle volte basta poco per spaziare nell’arte .saluti e buona pasqua

  6. Remo ha detto:

    E’ davvero sorprendente questo percorso

  7. enzo truppo ha detto:

    Come al solito riesci a strutturare un percorso avvolgente e coinvolgente in cui lo spazio e il tempo mostrano tutta la loro relatività. Complimenti.

  8. PAOLO ha detto:

    Molto interessante questa ricostruzione della presenza dell’immagina dell’uovo nell’arte. Mi permetto però di suggerire anche il mio piccolo libro”Mondo Uovo. Dialogo veritiero con l’uovo di Colombo” (La Vita Felice 2013) in cui ho immaginato di intervistare il mitico uovo legato alla figura dello scopritore dell’America.

  9. paolo ha detto:

    che bravi. bravissimi

  10. Questo è un articolo ricco e interessante ma soprattutto dimostra tanto interesse e approfondimento del tema…
    Vi seguiamo da tempo…continuate a divulgare l’arte…Grazie!

  11. cannella ha detto:

    Che meraviglia, spiegazione chiarissima e interessante. 🙂
    Didatticarte posso chiederti se hai qualche libro da consigliarmi per approfondire il tema?
    Grazie mille!

  12. Tiziana Nicotra ha detto:

    Bellissimo questo viaggio dell’uovo nell’arte. Grazie sempre ed auguri Emanuela. Tiziana Nicotra

  1. 13 aprile 2017

    […] Tutta l’arte attorno all’uovo Il post completo è disponibile online su DidatticareBlog […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *