Artisti senza studiare?

Ogni tanto, spulciando il sistema di statistiche del Blog, mi imbatto in strane ricerche fatte su Google che hanno portato fino ai miei articoli. Una di quelle che trovo più curiose è la domanda “si può essere artisti senza studiare?“.

Chissà cosa voleva cercare l’ignoto navigante… Cercava artisti che sono diventati famosi pur essendo autodidatti?

La domanda è legittima e la risposta rivela sorprese interessanti. Denota, probabilmente, il desiderio di creare qualcosa di “artistico” pur non avendo avuto la possibilità di studiare storia dell’arte o aver fatto corsi di disegno, pittura etc.

L’elenco di artisti che non hanno seguito percorsi “regolari” per diventarlo è lungo e comprende anche personaggi molto famosi, come Van Gogh, Henri Rousseau o Antonio Ligabue. Artisti che, in molti casi, hanno fatto le attività più disparate prima di scoprire la pittura e che, poi, hanno imparato da autodidatti, guardando le opere degli altri, conoscendo altri artisti, confrontandosi con la critica.

Dunque la risposta è sì, si può diventare artisti senza aver fatto studi specifici. Bisogna avere un pizzico di talento innato ma soprattutto tanta tenacia, costanza e curiosità che possano supplire l’iniziale mancanza di conoscenze tecniche e lo studio sistematico.

Una buona conoscenza della storia dell’arte e delle tecniche artistiche, infatti, rimane fondamentale per padroneggiare il linguaggio visivo e trovare una propria personale strada (oltre che per crearsi un inesauribile archivio iconografico come nel caso di Giuseppe Veneziano).

Secondo alcune opinioni, invece, gli studi artistici tenderebbero ad imbrigliare la creatività dell’individuo e, in effetti, tutta l’arte delle Avanguardie storiche è stata volta proprio a smantellare una ad una le regole dei percorsi accademici: dalla prospettiva all’anatomia, dal concetto del bello alla riconoscibilità del soggetto rappresentato, dalla distinzione figura-sfondo, alla corrispondenza dei colori con quelli reali.

In questo senso si può affermare, con Picasso, che “ogni bambino è un’artista. Il problema è poi come rimanere artisti quando si cresce”.

Ma occorre sottolineare che tutti gli artisti che hanno prodotto opere apparentemente prive di qualità artistiche (questo pensano in tanti davanti ad un’opera contemporanea… il classico “potevo farlo pure io”) sapevano disegnare e dipingere benissimo e conoscevano l’arte del passato, Picasso incluso.

Dalì addirittura diceva “Se vi rifiutate di studiare l’anatomia, l’arte del disegno e della prospettiva, la matematica dell’estetica e la scienza del colore, lasciatevi dire che questo è un segno più di poltroneria che di genio”.

In pratica solo se conosci le tue radici sarai in grado di sovvertire il tuo futuro. Se conosci la prospettiva potrai distruggerla, se conosci i generi pittorici del passato potrai trovarne uno nuovo e inesplorato, se conosci le tecniche tradizionali di scultura potrai inventarne di nuove etc. etc. Altrimenti si rimane alla fase naïf, nel senso negativo del termine.

Qui calza a pennello, tra le tante citazioni sulla creatività, il pensiero di Benjamin Franklin in quale sosteneva che “il genio senza istruzione è come l’argento dentro la miniera”, dunque resta una potenzialità inespressa e inesprimibile.

Ci sono molti individui, oggi, che si autodefiniscono “artisti” facendo le stesse cose che facevano i dadaisti, o gli artisti pop, o quelli della body art o della land art… Ecco, studiare qualcosa di storia dell’arte li aiuterebbe a capire che non sono affatto originali!

Non che l’originalità sia l’unico parametro per stabilire la validità di un’opera ma sicuramente riprodurre, anche involontariamente, opere e performance del passato non depone a favore del proprio talento, soprattutto se non vengono espressi nuovi significati.

Da ciò che ho detto finora è evidente che lo studio della storia dell’arte non è condizione necessariasufficiente per diventare artisti. Ma la scelta deliberata di non studiare l’arte del passato non è buon punto di partenza anzi, forse è proprio un errore madornale (e vi posso fornire un lungo elenco di motivi per cui vale la pena studiare la storia dell’arte…).

Se, come diceva Picasso, “I bravi artisti copiano, i grandi artisti rubano”, per essere un ladro professionista occorre conoscere bene la casa da svaligiare! Dunque niente alibi: la storia dell’arte va studiata.

E se non sapete come fare e da dove cominciare, continuate a seguire Didatticarte! 😉

Potrebbero interessarti anche...

14 Risposte

  1. Alessandra ha detto:

    Sono completamente d’accordo.
    Anche i “grandi” sono andati “a bottega” e lì, dopo aver imparato la tecnica, a volte (di rado), accadeva che l’alunno superasse il maestro.
    Per trasgredire le regole, occorre conoscerle.

  2. FARNAZ ha detto:

    si ,molto belo

  3. marco ha detto:

    Questo pezzo rafforza le mie convinzioni.
    Artisti si nasce, ma senza lo studio della storia dell’arte e delle varie tecniche non si va molto lontano.
    Gli autodidatti arrancano, ci mettono molto più tempo per raggiungere i loro obiettivi.
    Obiettivi che comunque rimangono sempre in una sfera limitata.

    complimenti
    marco

  4. Valeria Marossero ha detto:

    Tante grazie Didatticarte, perche puo imparere abbastanza, mi aiuta moltissimo, nel mio lavoro. Sono cose interesanti per considerare. Un’altravolta, grazie mille!!!!
    Saluti.

  5. Cristina ha detto:

    Se si possiede tenacia, curiosità, sensibilità nell’osservazione di un opera ma scarso talento naturale si può tentare li stesso?

  6. maria teresa ha detto:

    il grande Gombrich era d’accordo con te … 😉

  7. Gilda Carella ha detto:

    Io andrei oltre.Già la storia dell’arte è molto sottovalutata da tutti i programmi di studio,ma quando si parla di arte moderna o contemporanea si giunge alla totale incomprensione da parte delle masse,studenti e non.Questo perchè i programmi scolastici si fermano spesso al Caravaggio e non vanno oltre,anche per la difficoltà oggettiva nel far comprendere che l’arte non è più l’espressione del concetto del bello,ma sintesi,interazione e contaminazione di ciò che è lo scenario contemporaneo.Contesto confuso e privo di grandi idee,dove “operano”tanti imitatori di cose già fatte che fuori dal loro contesto originario perdono potenza e forza espressiva,banalizzando la capacità comunicativa e di rottura di movimenti come la pop art o nel nostro piccolo,la transavanguardia di Bonito Oliva.

  8. Marco Cavallero ha detto:

    Magda Olivero disse ad una sua allieva: se ti piace la Callas, cerca di imitarne i pregi, non di copiarne i difetti. E tuttavia Carmelo Bene diceva che la Callas era stata la più grande perchè passò la vita a perfezionare i propri difetti! Storia dell’arte e studio della tecnica sono imprescindibili ma attenzione ai trabocchetti della “modernità”: molte volte è solo moda, anticonformismo convenzionale, “rottura” di schemi o di regole che sembrano le proposizioni di un sillogismo. In arte non si dovrebbe “rompere”, ma costruire

  1. 17 aprile 2016

    […] Artisti senza studiare? […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *