Lo spazio svelato dalla luce

Invisibile e impalpabile. Eppure dà forma al mondo e innesca la scintilla vitale negli esseri viventi.

La luce è questo e molto altro. Ma ciò che qui mi interessa esplorare è la capacità della luce di creare lo spazio architettonico rivelandone l’essenza. Dunque si parla di interni, di luoghi chiusi nei quali l’apertura di una finestra o di un semplice foro riesce a materializzare lo spazio costruito.

luce-interno

L’invenzione dello spazio abitato fu una lunga conquista per l’umanità. Delle architetture più antiche, difatti, sappiamo che erano concepite come enormi sculture vivibili ma, come le sculture, il loro rapporto con la luce del Sole era tutto giocato sulle superfici esterne.

Era un rapporto spesso basato sull’orientamento degli elementi alla ricerca di un ordine cosmico da riportare tra gli umani. È questo, probabilmente, il senso del cromlech di Stonehenge (1.800 a.C.).

luce-stonehenge

È così che funzionano anche le piramidi: tombe monumentali (o “montagne artificiali” secondo Christian Norberg-Schulz) che comunicano un’immagine di assoluto e di perfezione.

Quelle della Piana di Giza (2.500 a.C.) sembrano la dimostrazione lapidea che “l’architettura è il gioco sapiente, rigoroso e magnifico dei volumi sotto la luce” come affermerà Le Corbusier oltre quattromila anni dopo.

luce-piramidi

Eppure questa non è ancora architettura in senso pieno, non è ancora spazio vivibile, spazio interno.

Non lo sarà neanche il tempio greco. (VI-V sec. a.C.), armonico, misurato ma inaccessibile se non ai sommi sacerdoti. Qui il “gioco sapiente” si disputa tra i raggi del sole e le scanalature delle colonne, la tornitura del capitello, i profondi solchi dei triglifi e i forti bassorilievi dell’apparato scultoreo.

luce-tempio

Come abbiamo visto nella storia del Pantheon, saranno i Romani a realizzare, per la prima volta, spazi architettonici definiti dalla luce.

Il fiotto di luce che penetra nell’oculo della cupola, o nel compluvium di una domus o, ancora, dalle aperture di un ambiente termale o di un mercato coperto svela proporzioni, armonie, materiali, tessiture. Si può dire che crei l’architettura.

luce-romani

Nella maggior parte dei casi, però, si tratta di una luce funzionale, studiata per consentire un uso ottimale degli spazi.

Ma nel momento in cui, con il IV sec. d.C., l’architettura romana confluisce in quella paleocristiana, la luce comincia ad assumere un carattere più spiccatamente simbolico. È luce divina, segno di una soprannaturale presenza all’interno del luogo sacro.

luce-paleocristiana

Poco tempo dopo, con la diffusione dell’arte bizantina, la luce divina (“riscaldata” da finestre in alabastro) si moltiplicherà in maniera quasi esponenziale, riflessa all’infinito dai mosaici a fondo oro.

È un’epoca definita “fototropica” da Hans Sedlmayr, per il profondo rapporto con la luce realizzato tramite nuove materie luminose.

La parete perde quasi consistenza, diventa un muro di luce, una superficie che brilla da ogni parte grazie alla posa non complanare delle tessere. In pratica queste, collocate con lievi inclinazioni rispetto al piano sottostante, offrono diversi angoli di riflessione alla luce naturale frammentandola in tutte le direzioni.

luce-bizantina

Un effetto ancora più spettacolare ed unico è quello della Basilica di Hagia Sophia (o Santa Sofia) ad Istanbul.

Voluta da Costantino, riedificata nel VI secolo e trasformata in moschea nel XV è un vero e proprio miracolo di pietra e luce. Un’immensa cupola (crollata diverse volte) poggia su una cornice continua di quaranta finestre lasciando che la luce inondi lo spazio interno.

luce-santasofia

La magia dei mosaici dorati continuerà a manifestarsi per tutto il Medioevo in quelle aree rimaste sotto l’influenza bizantina. È per questo motivo che si possono trovare in Sicilia alcuni tra i più eccelsi esempi di questo stile fino al XII secolo.

La Cappella Palatina (in foto) o la chiesa della Martorana a Palermo e il Duomo di Monreale, con i loro rivestimenti di tessere d’oro che vanno persino a smussare gli spigoli dei muri, possono essere considerati veri e propri “luoghi di luce“.

luce-palatina

Nel resto dell’Europa, con il Romanico dell’XI e XII secolo, le chiese tornano ad esprimere la nuda massa muraria, spoglia e massiccia. La struttura voltata delle navate richiede mura spesse e contrafforti per assorbire la spinta orizzontale che le volte a crociera o a botte esercitano sugli appoggi.

Per questo motivo le finestre sono delle semplici monofore di dimensioni molto limitate. La scarsità di luce che ne deriva conferisce all’interno un tipico aspetto austero e un’atmosfera di raccoglimento.

luce-romanico

Per assistere ad un nuovo periodo fototropico occorre aspettare che la struttura della chiesa si faccia esile e trasparente e lasci passare luce in abbondanza.

Con l’applicazione sistematica dell’arco a sesto acuto, della volta a crociera ogivale e degli archi rampanti tipici dell’architettura gotica, le spinte orizzontali si riducono notevolmente e la parete massiccia dei secoli precedenti lascia il posto ad immense vetrate policrome, nuova materia luminosa del XIII e XIV secolo.

La luce, densa e divina, riempie lo spazio e lo colora rendendo visibile il complesso ricamo di vetro delle immense finestre e dei rosoni.

luce-gotico

Con il Rinascimento (XV e XVI sec.) la luce torna ad essere rigorosa ed equilibrata. Non potevamo aspettarci altro da un’architettura che trae ispirazione da quella classica…

Nelle chiese e negli altri spazi sacri crea ritmo e solennità e rende leggibile la struttura architettonica in ogni sua membratura.

luce-rinascimento

La luce barocca (XVII e XVIII sec.) invece, coerentemente con una concezione scenografica dell’architettura, tende a rendere gli spazi teatrali e suggestivi.

In molti casi la finestra è nascosta perché si possa percepire l’effetto della luce ma non la sua fonte (esattamente come avviene a teatro in cui quinte e cieletti schermano i proiettori). È così che alcune delle cupole più famose riescono a suscitare ancora meraviglia ed emozione!

luce-barocco

In altri la casi le finestre, ampie ed evidenti, partecipano al gioco del chiaroscuro aggiungendo contrasto alle già ricche strutture.

luce-barocco2

Nel corso dell’Ottocento, tra il Neoclassicismo e altri Revival storicistici, la luce non pare rivelare nuove modalità espressive in architettura.

È solo grazie alle innovazioni introdotte dagli ingegneri (come si è visto per la Torre Eiffel) che la luce trova nuovi spazi nelle grandi volte in ferro e vetro.

Agili e modulari, le gallerie vetrate coprono strade e stazioni sostituendosi del tutto al mattone e alla pietra dei secoli precedenti e, soprattutto, portano la questione della luce al di fuori degli spazi sacri nei quali si era sviluppata per oltre mille anni.

luce-ferrovetro

La luce diffusa dai grandi lucernai vetrati diventa un elemento tipico dell’Art Nouveau a fine Ottocento. È una luce morbida ed avvolgente che, senza creare contrasti drammatici, riempie gli eleganti ambienti sottostanti come i palazzi e gli hotel di Victor Horta.

luce-artnouveau

Negli spazi di Antoni Gaudì, in particolare, la luce zenitale o laterale svela le fantasmagoriche forme organiche delle sue architetture, accarezza pareti curve e piove liberamente negli ambienti interni.

luce-gaudi

Nonostante le enormi differenze tra la concezione plastica dell’architettura di Gaudì e quella funzionalista di Le Corbusier, quest’ultimo ha realizzato nel corso del Novecento alcuni spazi di incredibile suggestione luminosa.

Quella Cappella di Ronchamp (1955) cos’è se non una versione contemporanea dello spazio sacro medievale, mistico e coinvolgente? Qui la luce sfiora le profonde strombature delle finestre o scivola lungo i muri dall’intonaco increspato.

luce-ronchamp

La luce che scorre sulle superfici rendendole, a loro volta, diffusori luminosi, è presente anche nelle architetture di Alvar Aalto. Le sue chiese e i suoi edifici pubblici sono concepiti spesso come grandi amplificatori di luce.

luce-aalto

Ma il terreno di esplorazione delle nuove possibilità di uso della luce nel Novecento non saranno più le chiese ma i musei. Musei che fin dai tempi del Louvre erano sistematicamente organizzati con sale chiuse da lucernai anche per la perdurante influenza degli spazi classici.

luce-louvre

La suggestione di questo museo è ancora evidente nel Guggenheim (1956) a newYork di Frank Lloyd Wright dove lo spazio centrale è illuminato dall’alto come nei modelli ottocenteschi.

Tuttavia qui la tipologia del museo è stata ripensata in maniera radicale: una rampa continua a spirale si snoda verso l’alto lasciando filtrare una striscia di luce tra una spira e l’altra.

luce-guggenheimDecisamente innovativo è anche il Kimbell Art Museum a Fort Worth, Texas (1972) di Louis Kahn.

Il progetto si compone di una serie di tunnel affiancati, coperti da volte cicloidali che integrano un dispositivo capace di schermare la luce diretta e rinviarla verso la superficie delle volte che diventano così dei grandi diffusori.

luce-kahn

Nel caso del Musée d’Orsay a Parigi (1986) di Gae Aulenti e Piero Castiglioni, si trattava di creare uno spazio espositivo all’interno di una stazione ferroviaria dismessa.

La struttura architettonica, dunque, è pensata per creare delle sale più raccolte e contemporaneamente controllare in modo preciso la luce naturale proveniente dalla volta vetrata.

luce-aulenti

Nella Menil Collection a Houston, Texas (1986) Renzo Piano ha organizzato una serie pannelli curvi posti sotto una leggera copertura trasparente, in grado di riflettere la luce su entrambe le superfici e di immetterne all’interno la massima quantità ma sempre in modo omogeneo.

luce-piano

Decisamente più complesso è il convogliamento della luce nella Clore Gallery (ampliamento della Tate Gallery of Modern Art) a Londra (1987) di James Stirling.

In questo caso sono presenti dei sistemi meccanizzati di controllo della luce naturale in modo che, con l’eventuale integrazione di luce artificiale, si possa ottenere un’illuminazione sempre costante.

luce-stirling

Per andare ad esempi più recenti va ricordato il Kunsthaus a Bregenz (1997) di Peter Zumthor.

Si tratta di un museo concepito per l’illuminazione diurna: la facciata è un involucro satinato che lascia passare la luce dentro apposite intercapedini poste tra i vari livelli dell’edificio.

Nonostante la luce venga trasmessariflessa per tre volte (dalla facciata, dai serramenti isolanti e dal lucernario) risulta sufficiente ad illuminare gli ambientiinterni. Ogni sala ottiene, così, un’atmosfera di luce naturale sebbene non siano presenti finestrature visibili. Naturalmente nello stesso controsoffitto vetrato sono inserite batterie di lampade fluorescenti che garantiscono l’uso serale del museo.

luce-zumthor

Osservando l’inizio di questo lungo percorso sembra che sia rimasta proprio l’essenza della luce. Quella capacità di dare forma agli ambienti, anche i più minimali.

Perché come scrive Alberto Campo Baeza “in definitiva, la luce non è la ragion d’essere dell’architettura? La Storia dell’architettura non è ricerca, comprensione e dominio della luce? Il Romanico non è forse un dialogo tra le ombre dei muri e la luce solida che vi penetra come un coltello? E il Gotico non è un’esaltazione della luce che avvampa gli incredibiii spazi con fiamme ascendenti? Il Barocco non può forse essere considerato come un’alchimia di luce dove, sulla saggia mescolanza delle luci diffuse, irrompe un raggio forte, capace di produrre ineffabili vibrazioni? Infine, il Movimento Moderno, abbattuti i muri, non è una inondazione di luce che ancora cerchiamo di controllare? Non è questa un’epoca in cui possediamo tutti i mezzi possibili per dominare la luce?”.

Potrebbero interessarti anche...

32 Risposte

  1. marilena ha detto:

    stupendo.
    E’ quello che vado cercando per il mio lavoro di tessitrice

  2. Angela Mirto ha detto:

    Bellissimo percorso… che non finirebbe mai… Herzog & de Meuron ad esempio… paradossalmente c’è chi usa la luce per trasformare nuovamente gli oggetti architettonici in sculture “mobili” determinate dalla luce …
    Sei sempre bravissima, Emanuela 🙂

    • didatticarte ha detto:

      Sì, ho lasciato fuori colpevolmente anche Tadao Ando e tanti altri…
      Ed è vero: c’è una certa tendenza a creare degli “oggettoni” architettonici scolpiti dalla luce. Il Guggenheim di Bilbao è un ritorno alle origini? Forse sì!
      … e grazie sempre per l’apprezzamento 😀

    • Angela Mirto ha detto:

      ah! e Jean Nouvel?

      • didatticarte ha detto:

        Manca sicuramente il suo centro di cultura araba a Parigi (anche se i meccanismi a diaframma hanno smesso di funzionare quasi subito).
        Poi manca la casa Gilardi di Barragan, il museo ebraico di Libeskind, la cupola di Foster per il Reichstag eccetera eccetera eccetera… 😉

  3. anna ha detto:

    Fortunati gli studenti che hanno una simile insegnante e fortunati anche noi che possiamo usufruire di questi post! Io li diffondo tra insegnanti e amici affinché possano diffondere questo prezioso lavoro. Complimenti e tanta ammirazione per una professionalità così vasta

  4. Bruno Matano ha detto:

    I suoi articoli sono sempre interessanti, ricchi di spunti creativi, confacenti all’approfondimento. Come sappiamo, l’architettura è una forma di comunicazione che riferisce l’identità di un territorio, di un paesaggio, di un popolo e si esprime principalmente attraverso l’uso corretto dei materiali, dei colori e non solo. L’architettura è capace di suscitare infinite emozioni nel momento in cui viene svelata. La luce, naturale e artificiale, è il linguaggio attraverso il quale l’architettura si spiega, si svela, trasmette e comunica intenzioni. In questo suo percorso leggo tutto questo. grazie mille.
    Aspetto il prossimo post: il 101
    Bruno Matano.
    Bruno

  5. Roberto Baldazzi ha detto:

    Informazione, passione, sintesi, divulgazione, suggerimenti per approfondimenti. Questo e molto altro sono sempre i tuoi post.
    Grazie!!!
    Roberto Baldazzi

  6. Francesca Migneco ha detto:

    Brava .Eccelsa.
    La chiusura delle chiese anntiche ha cancellato il loro ruolo di Musei della Comunità,del Borgo,del quartiere e sta, in evitabilmente , mutando il gusto degli italiani.Basta guardare com’è cambiata la guida Tourig: dai quadri (lettura bidimensionale e simbolica) allo SPAZIO tridimensionale del Paesaggio e del Paesaggio Urbano. Forse vale la pena di regalarci altri articoli sulla percezione volumetrica, almeno fino quando occuperemo spazio e volume e la nostra visione non sarà quella dei droni (si dice così?) aerea e satellitare.
    Dimenticavo.In un museo il pubblico non può toccare niente.Nelle vecchie parrocchie i fedeli”usavano”,pulivano,eseguivano manutenzioni sulle opere d’arte . La perdita è enorme.

  7. Gabriella Speranza ha detto:

    Interessante come sempre, con bellissime foto ma prive di didascalie : mi avrebbe fatto piacere conoscere i nomi di molte opere architettoniche . Magari per i prossimi articoli ? Grazie!

  8. Sergio Bettini ha detto:

    Visto che il Rinascimento passa un po’ sottotono mi permetto di segnalarvi alcuni studi sulla luce nell’architettura di quel periodo: https://unisi-ch.academia.edu/SergioBettini/Light-in-Renaissance-Architecture

  9. Sarete ha detto:

    Me encanta la página y lo que mostráis.

  10. françoise ha detto:

    Meraviglioso ..!

  11. Aureliana Strulato ha detto:

    Quanta eleganza … !

  12. Fausta Schiavone ha detto:

    Articolo interessantissimo…come sempre!
    A proposito di Gaudì mi permetto di condividere un link che fa riferimento a quello che io definirei un moderno Gaudì… Un artista davvero geniale!!!
    http://www.attivotv.it/un-uomo-passa-25-anni-sotto-terra/

  13. Maria Teresa ha detto:

    Un percorso bellissimo e affascinante che evidenzia la professionalità multitasking che ti contraddistingue : architetto, esperta di illuminazione, docente e abile comunicatrice, nonché (e non finirò mai di apprezzare questo aspetto) diffonditrice (esiste questa paola?) Di cultura senza scopo di lucro ! Grazie un milione !

  14. Diego Totis ha detto:

    Conoscere questo sito è stata una grande fortuna.

  15. Elena Franceschetto ha detto:

    UTILISSIMO PER LA MIA TESINA! STUPENDO PERCORSO

  16. Czirfusz László ha detto:

    Congratulazioni al sito!

    Non collegando al tema:
    É chiaro per mé – naturalmente – che i quadri pubblicati sono illustrazioni, appoggi, rinforzi di un messaggio specifico e non per sé di quadri o per la bellezza.
    Ma mi mancano le denominazioni.
    Sarei piú contento conoscendo sempre, che cosa vedo.

  17. Gianfranco ha detto:

    SILENCE AND LIGHT

    Silence the aura of desire
    To be, to express
    Light
    To be, to be
    Spent light
    the material
    silence to light
    light to silence
    when they cross
    the thresholds
    the inspirations
    Where the desire to express
    meets the possible
    Where the unmeasurable meets the measurable
    The work of Savelli moves from silence to light
    Stopping at light and asking of it the barest of presence
    In it lies the essence of poetry, the essence of the poet
    The one who weeps because he must use words
    his works evokes the prior to presence.

    Louis Kahn, NY 1972, dedicata all’amico Angelo Savelli, maestri entrambi della luce.

  1. 8 marzo 2015

    […] In pratica ha “affettato” il capo in una serie di cilindri sovrapposti (come una TAC…): un lavoro mastodontico e improponibile se non come dimostrazione geometrica! Dunque la rappresentazione del corpo umano di scorcio non può che essere affidata in massima parte all’occhio dell’artista. Lo spazio svelato dalla luce | DidatticarteBlog. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *