Il movimento fermo: gente che cammina

Due sono le sfide impossibili dell’opera d’arte: catturare lo spazio e congelare il tempo. E se per la prima gli artisti si sono inventati ogni forma di simulazione della profondità, per la seconda hanno cercato incessantemente di fermare il movimento, per suggerire un divenire anche nella totale immobilità dei pigmenti.

Joseph Heintz

Il semplice atto di camminare, in particolare, è stato uno dei primi a essere rappresentato, assumendo nel tempo significati sempre diversi.

Il moto accennato dalle statue dei faraoni egizi è un lento incedere regale che forse non nasce dal desiderio di suggerire l’avanzare del sovrano ma dalla trasposizione tridimensionale della tipica raffigurazione dei piedi umani nella pittura parietale: per poter mostrare entrambi i piedi era necessario che uno fosse più avanti dell’altro, altrimenti se ne sarebbe visto uno solo.

camminare nell'arte egizia

Questa postura si riversa nell’arte greca più arcaica: i kouroi hanno sempre la gamba sinistra avanzata, la stessa delle statue egizie. E come quelle i pugni chiusi lungo i fianchi e un’espressione indefinita sul volto.

camminare nell'arte greca

Camminano? No, neanche loro. Quel leggero passo in avanti non riesce a conferire dinamismo alla figura nemmeno guardandola di lato.

camminare con i kouros

Un enorme passo avanti (anche in senso letterale) lo ha fatto il Doriforo. La statua simbolo dell’arte greca – quella dalle proporzioni perfette e dal chiasmo esemplare – sta proprio camminando. Ma non avanzando una gamba, ma lasciando indietro l’altra. Da un momento all’altro solleverà la sinistra da terra per fare un nuovo passo.

camminare con il doriforo

E così tante altre statue del periodo classico ed ellenistico.

camminare con le statue greche

La camminata degli imperatori romani è più trattenuta e solenne. Forse non stanno incedendo affatto ed è solo una posa che dà naturalezza.

imperatori romani che camminano

Con il Medioevo l’atto del camminare non è più molto evidente. D’altra parte l’arte medievale, soprattutto quella di influenza bizantina, tende a un’immobilità ieratica che poco si adatta alle figure in cammino. Addirittura, anche quando la scena mostra persone che avanzano, il moto viene annullato dalla posizione divaricata dei piedi. È quello che accade alle processioni di vergini e martiri in Sant’Apollinare Nuovo, a Ravenna.

camminare con i bizantini

Alcuni personaggi però camminano sempre, anche nel medioevo, perché quel movimento è parte essenziale del significato che li accompagna. Mi riferisco ad Adamo ed Eva nella cacciata dal Paradiso terrestre. Loro sì che camminano, e anche a grandi passi.

camminare nel medioevo

L’espulsione dall’Eden rimane in testa tra le scene di figure che camminano anche nei secoli successivi.

camminare nel rinascimento

Solo nell’Ottocento troviamo gente che cammina per altri motivi: c’è chi lavora…

camminare con il realismo

… e chi passeggia.

camminare con gli impressionisti

C’è anche chi cammina per rivendicare i propri diritti: dall’avanzata impetuosa della Libertà che guida il popolo (1830) di Delacroix…

camminare con Delacroix

… alla lenta marcia dei lavoratori nel Quarto Stato (1901) di Pellizza da Volpedo.

camminare con Pellizza

In entrambi i casi la massa procede in direzione dell’osservatore rendendo l’azione più coinvolgente.

Poi, ad un certo punto, appare nella storia dell’arte un uomo solo che cammina. Non perché fugge, marcia, passeggia o va al lavoro. Cammina e basta. Cammina per prendere possesso del mondo. Cammina, dunque esiste.
È Uomo che cammina, di Auguste Rodin. Una scultura assolutamente inedita, creata nel 1905 usando parti di altre sculture: un torso acefalo e senza braccia e due gambe possenti.

camminare con Rodin

Di lì a qualche anno Boccioni realizza un altro celebre uomo che cammina, ma stavolta ha un nome particolare: si chiama Forme uniche della continuità nello spazio (1913) e ciò che rappresenta non è più l’incedere di una persona ma la compenetrazione tra il corpo e lo spazio nel momento in cui il cammino diventa pura velocità. Sembra uscito da una galleria del vento, con quelle cosce scavate e i polpacci aerodinamici.

camminare con Boccioni

Di aspetto completamente opposto è lUomo che cammina di Giacometti (1960). Scheletrico, allungato, eroso dalla vita. Cammina perché non può fare altro: il busto inclinato in avanti suggerisce una volontà che riesce persino a convincere le sottilissime gambe ad andare avanti.

camminare con Giacometti

Non è più un corpo virile che calpesta la terra né una figura plasmata dal vento. L’uomo di Giacometti, coi suoi piedi grandi e il suo essere esile, è un simbolo di resilienza. Quel corpo, su quelle gambe, non potrebbe stare in piedi, ma lui non lo sa e cammina lo stesso.

«Sento che ci vuole una energia straordinaria per far stare in piedi le mie figure, un istante dopo l’altro, c’è sempre nello spazio e nel tempo la minaccia di una caduta, della morte», afferma lo scultore.
Questo, dunque, è più di un movimento fermato. È una faticosa ricerca di equilibrio. Una precarietà che racconta l’uomo del Novecento come la solidità raccontava le dinastie dei faraoni.

Ci rappresenta.

 

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalvaSalvaSalva

SalvaSalva

SalvaSalva

Potrebbero interessarti anche...

13 Risposte

  1. Salvatore Bonincontro ha detto:

    Ma questo è un percorso iconografico o un cammino iconografico?

  2. alex ha detto:

    Mi commuove la dedizione nella ricerca e la cura del linguaggio, fra l’altro, semplice. Molto utile per un autodidatta, vecchio, come me. Utilissimo per gli studenti.

  3. Gianfranco ha detto:

    Anche questo come gli altri articoli consente di entrare nell’arte guidato da parole chiare e comprensibili.

  4. Sileno ha detto:

    C’è sempre tanto da imparare da questi splendidi post. Grazie

  5. Luisa ha detto:

    Bello l’accostamento tra la resilienza e l’uomo o la donna di Giacometti.
    Bellissimo il percorso tra i secoli e i capolavori che hai citato.
    Grazie Emanuela.

  6. Marvan ha detto:

    Il Quarto Stato mi ha sempre commosso, è come se fossi lì anch’io in quel preciso instante al fianco di persone che condividono con me un’idea di futuro.
    Dunque il tempo non è congelato, per me è semplicemente un fotogramma che separa il prima dal dopo.
    Mentre lo guardo, ho coscienza delle mie esperienze passate e immagino cosa possa essere il futuro.
    Penso che l’atto forse involontario del pittore spieghi molto bene come “il tempo sia un fiume che mi trascina, ma io sono il fiume” (J.L.B).
    Grazie Emanuela.

  7. Marino calesini ha detto:

    Interessantissimo . Un appuntamento che attendo e non mi delude mai. Grazie –

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.