Didattica dell’arte con i video-podcast

Uno dei tanti strumenti per rendere efficace una lezione di storia dell’arte è l’uso di video relativi ai movimenti artistici, alle opere o agli autori. La visione di brevi filmati stimola la memoria visiva, consente di entrare virtualmente dentro architetture e musei, permette di intuire le reali dimensioni di un manufatto artistico rispetto all’osservatore.

Il video ideale da integrare alla lezione frontale deve avere delle caratteristiche ben precise: un taglio prettamente didattico (linguaggio chiaro e semplice, spiegazioni esaustive ma sintetiche), una durata molto limitata (oltre i 3-5 minuti l’attenzione comincia a diminuire), deve essere scaricabile (per poter essere visualizzato anche offline come si fa con i podcast), deve avere, praticamente, tutte le caratteristiche di un learning object.

I migliori video, da questo punto di vista sono sicuramente quelli di OVO.com, una video-enciclopedia composta solo di clip della durata di tre minuti dalla grafica accattivante e con testi estratti dall’Enciclopedia Treccani. Occorre solo iscriversi e cercare i video per argomento. L’unica pecca, dal punto di vista didattico, è che non sono scaricabili per cui è necessario avere un collegamento ad Internet funzionante e rapido (cosa non frequente nelle scuole…). Se volete subito dare un’occhiata godetevi il video sul David di Bernini.

Ma non è detto che gli unici video adatti alla didattica siano quelli pensati per questo fine. A volte funzionano anche, se non di più, alcune clip suggestive o divertenti trovate su Youtube. Di grande impatto è, ad esempio, il video della canzone “Vincent” di Don McLean dedicato a Van Gogh. Il testo di questo brano musicale è forse la migliore lezione su Van Gogh a cui si possa assistere!

Molto intelligente è questo video sull’arte astratta di Kandinsky: mette insieme ritmo e dinamismo e permette di comprendere, divertendosi, la musicalità delle opere di questo autore.

Ancora più sorprendente è vedere la creazione di un’opera astratta attraverso la danza. Shen Wei Dance Art riesce a dare un’anima persino alle macchie di vernice su un pavimento!

Per restare tra ironia e didattica un video che per me è un vero “cult” è la scena della visita alla Biennale di Venezia da parte di Alberto Sordi con la moglie in “Vacanze intelligenti”.

Ma su Youtube si possono anche trovare delle vere chicche: video realizzati dagli artisti stessi. Uno dei più belli è senz’altro il cartone animato “Destino” che Salvador Dalì disegnò nel 1945 per Walt Disney.

Per raccogliere il meglio di Youtube ho creato il canale Dida Arte con una playlist divisa per periodi artistici.

Un docente che abbia tempo e strumenti può anche pensare di realizzare da sé i propri video. In questo caso saranno ancora più efficaci perché creati con la stessa logica e lo stesso approccio che l’insegnante utilizza anche per la lezione frontale. Occorre scrivere il testo, scegliere le immagini e cercare, pazientemente, di registrare e montare il tutto.

Ho provato a farne uno su Amedeo Modigliani. Dal punto di vista tecnico non è un granché ma mi è stato utile per esplorare l’universo della video-didattica. Eccolo.

Potrebbero interessarti anche...

15 Risposte

  1. Barbara ha detto:

    Oops! Il video non si vede.
    Devo dire che la scuola dove mi trovo attualmente da questo di vista è molto attrezzata con collegamenti internet e LIM in tutte le classi e sfrutto spesso i video con grande soddisfazione mia e della classe. Grazie per i consigli!

  2. Giuseppe Ricchizzi ha detto:

    E’ tutto molto interessante e professionalmente fatto bene (non vedo il tuo video su Modigliani..mentre vedo il resto; un caro saluto.

    • didatticarte ha detto:

      Quello su Modigliani è caricato con un plugin apposito perché non è su Youtube. Purtroppo alcuni sistemi operativi non ne consentono la visione…
      Comunque non ti sei perso niente, era solo un esperimento 😉

  3. Barbara ha detto:

    Non visualizzo il tuo video mi da questo messaggio: html5: Video file not found

  4. Alessandra ha detto:

    Tu sei una birbante, perchè metti una “cosina” su Fabook e poi mi rapisci nei meandri fascinosi del tuo blog 😉 Ai video poi non so proprio resistere… Che bello quello di Kandinsky e quello della danza che crea l’opera astratta. Spassosa la scena della visita al museo di Arte Contemporanea dal film di De Crescenzo. Un classico, direi e gli argomenti dei due napoletani hanno la freschezza e il buon senso della gente comune. A proposito, che fine ha fatto De Crescenzio? A me piaceva molto. Suppongo sia piuttosto avanti con gli anni.
    Raffinatissimo il filmato Dalì/Disney. L’avevi proposto anche altrove.
    Il tuo invece purtroppo non si vede, ma l’audio c’è e ho idea che la voce sia la tua. Sbaglio?
    Complimenti, come sempre. 😀

    • didatticarte ha detto:

      È un vecchio post, ma mi piace rispolverarlo… per l’ultimo video mi sto attrezzando. Altri lettori hanno lo stesso problema.
      La voce è mia ma si tratta proprio di una cosetta fatta tanto per prova, nulla di particolare!
      De Crescenzo, intanto, si è fatto vecchio e malconcio. Soffre di una malattia neurologica e temo che non ci lascerà altre perle di saggezza…

  5. Alessandra ha detto:

    Sì, non è un bellissimo audio, ma mi ha fatto piacere sentire la tua “parlata”.
    Io lo so che andando indietro il tuo blog è una miniera di tesori, ma non riesco ad assimilare più di un tanto per volta e ogni post è così articolato e ricco… E poi è scoppiata la primavera e il giardino mi chiama a gran voce. 🙂

  6. Alessandra ha detto:

    Si sente la tua voce e si vede lo schermo nero.
    Prima non si vedeva nemmeno quello.
    Peccato per Modì.

    Ah, il giardino, croce e delizia! 😀 Oggi ho tagliato il prato.

  7. Pierangela ha detto:

    Una miniera di emozioni e di idee!!!
    Grazie

  1. 19 marzo 2014

    […] Didattica dell’arte con i video-podcast […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *