Studiare l’arte con le visite virtuali

Generalmente cerco di trovare delle alternative “analogiche” a tutte le attività che propongo in digitale: così la mappa concettuale si può fare con Vue ma anche su un bel foglio di carta formato A3 e un po’ di pennarelli, il glossario si può fare con una piattaforma Wiki ma anche su una comunissima rubrica alfabetica, la linea del tempo con Tiki-Toki o su una lunga striscia di cartone da appendere in aula…

Ci sono però alcune attività la cui alternativa tradizionale può risultare impraticabile, per lo meno se si tratta di un approccio sistematico. Parlo della visita ad un monumento, quindi la visione diretta degli spazi, delle atmosfere, della luce e delle proporzioni di un ambiente monumentale. Se non è possibile recarsi fisicamente presso un museo, una chiesa o una piazza, l’alternativa più efficace non è certo la visione di una planimetria e di qualche foto sul libro!

Fino a qualche anno fa bisognava accontentarsi; oggi si può entrare virtualmente dentro le architetture più celebri della storia dell’arte. Non solo l’esperienza è molto più coinvolgente ma è possibile esplorare tutto l’ambiente per avere un’idea più precisa della sua conformazione. Volete provare? Qui ho raccolto tutti i siti che ho trovato sul web fino ad oggi.

Potete cominciare la visita dai monumenti bizantini di Ravenna. Dopo aver scelto il monumento da visitare si può ampliare a schermo intero l’immagine, far ruotare a 360° il punto di vista e direzionarlo verso il basso o verso l’alto.

Anche i monumenti collegati al Vaticano sono tutti visitabili online. Questa pagina vi consente di osservare, ad esempio, le varie zone della Basilica di San Paolo fuori le Mura: basta cliccare sulle aree indicate in pianta.

Questa pagina vi consente, invece, di visitare la Basilica di San Pietro, soffermandovi anche sulla Pietà di Michelangelo e sulla piazza realizzata da Bernini.

Quest’altra pagina vi porta dentro la Basilica di San Giovanni in Laterano

… e questa dentro Santa Maria Maggiore.

Non può mancare una strepitosa visita dentro la Cappella Sistina, con la possibilità di zoomare sulla volta affrescata ed osservarne dettagli che una visita reale non offrirebbe!

Passando ad edifici “profani” non mancano esperienze imperdibili, in particolare le visite virtuali create da Google Art Project all’interno dei maggiori musei del mondo. Ecco gli Uffizi a Firenze…

… l’Hermitage di San Pietroburgo…

e un’infinità di altri musei. In questo elenco ne sono presenti ben 312 di cui 92 con visita virtuale. Per accedere solo a questi ultimi basta selezionare il tasto “Solo visita museo”.

Per esplorare esterni urbani monumentali, oltre allo Street View di Google maps, esistono altri siti nei quali il montaggio delle immagini è fatto in modo più accurato. Uno di questi è 360 Cities, nel quale sono presenti centinaia di viste a 360° gradi come questa del Campidoglio a Roma.

Interessante anche la visita virtuale all’Acropoli di Atene. Scegliete il punto di vista e guardatevi intorno!

Se cercate su un motore di ricerca il vostro monumento seguito da “virtual tour” è praticamente sicuro che troverete il luogo che state cercando, ad esempio la statua della Libertà, la città di Parigi, e mille altri celebri siti.

E se volessimo provare a creare una visita virtuale del piccolo museo locale o della nostra scuola? Niente di più facile! Basta dotarsi di fotocamera e cavalletto e seguire le indicazioni per creare una foto panoramica da navigare con QuickTime. Potete seguire le istruzioni di questo sito, quest’altro o quest’altro ancora. Buon divertimento!

Potrebbero interessarti anche...

20 Risposte

  1. Angela Furnari ha detto:

    Era molto bella anche la visita virtuale alla cappella degli Scrovegni che qualche anno fa avevo trovato nel sito ufficiale. Adesso non l’ho più trovata. Peccato, perchè avevo già preannunciato la visita ai miei alunni.
    Anche Second Life e altri mondi virtuali 3D possono offrire mete interessanti: Mantova, domus pompeiane , piazza duomo di Catania e altro…

    • didatticarte ha detto:

      Anch’io avevo archiviato il link alla Cappella degli Scrovegni ma non l’ho più trovato attivo… peccato!
      Le ricostruzioni virtuali sono molto utili: possono mostrare siti che non esistono più facendo immergere l’osservatore nel passato. Se sono fatte in modo fotorealistico sono sicuramente di grande impatto.

  2. Alessandra ha detto:

    Non avevo ancora avuto modo di usare qualcuno dei link suggeriti. La visita alla Sistina è spettacolare! Io è da un po’ che dico che l’web consente di vedere e ammirare con tutta calma cose e dettagli che non si colgono in una visita reale, ma c’è sempre qualcuno che grida “Anatema!”
    Adesso sono a posto per un pezzo, con tutti i link che hai messo. Grazie, li apprezzo molto e salverò questa pagina per averli sottomano. 😀

    • didatticarte ha detto:

      Sono d’accordo con te… proprio alla Sistina ero pigiata tra centinaia di persone che spingevano e sono stata dentro pochi minuti. L’ho apprezzata di più sul mio monitor!!! 🙂

  3. Alessandra ha detto:

    Infatti!
    Sto avendo qualche difficoltà a “manovrare” i comandi delle visite ai musei… forse sono troppo tecnologici per me che non ho mai giocato ai video games. Dopo un po’ mi va assieme la vista nei tentativi di mettere a fuoco e girare attorno alla scultura.
    Però mi son fatta un tour di Parigi dall’alto, ripensando ad una supercalorica crepe alla nutella, cocco e rhum che mangiammo quando eravamo lì in visita (i vantaggi delle visite reali: il cibo!)
    Vabbe’. Grazie di nuovo. Credo che trascorrerò diverse serate, partendo da questa tua pagina. Avresti in me una studente “datata”, ma zelante. 😉

    • didatticarte ha detto:

      Non sempre sono intuitivi… a volte i comandi fanno muovere nella direzione opposta a quella verso cui si vorrebbe andare! Bisogna fare un po’ di pratica
      Ma ne vale la pena 😀

  4. camilla ha detto:

    aggiungerei anche il progetto di nexodigital : il tour dei più importanti musei del mondo sul grande schermo.
    http://www.nexodigital.it/1/id_373/La-Grande-Arte-al-cinema.asp.
    Di recente ho visto la puntata su Matisse (al TAte e al MOMA). Molto interessante per vedere il “dietro le quinte” dell’allestimento di una mostra e raccogliere aneddoti sulla vita e le opere dell’artista. La prossima puntata sarà a gennaio con Vermeer e “la ragazza con l’orecchino di perla”.

    • didatticarte ha detto:

      Grazie per la segnalazione. Ad ogni modo l’articolo non vuole essere un elenco esauriente di tutte le iniziative di tour virtuale ma un suggerimento per il loro utilizzo nella didattica della storia dell’arte 😉

  5. natalia ha detto:

    Salve innanzitutto volevo ringraziarti per i dati preziosi fornitici e vorrei porre una domanda.
    Non essendo un’esperta di internet vorrei sapere se esistono dei siti (e quali) oppure dei portali dedicati che diano la possibilita’ di poter effettuare visite virtuali storiche (sul genere di roma antica 3d che era disponibile fino a qualche anno fa su google earth)?Ti sarei molto grata per l’ eventuale risposta.Saluti

    • didatticarte ha detto:

      Ciao Natalia, ti ringrazio per l’apprezzamento. Purtroppo non conosco siti per tour virtuali nell’antichità. Ci sono animazioni con la ricostruzione di Pompei, Cnosso e altri luoghi del passato ma non sono navigabili.

  6. Italyart ha detto:

    Dispiace vedere che non sono state indicate le segnalazioni fatte in passato…..su Italyart.eu potrete trovare da Leptis magna a Sabratha, dalla Reggia di Caserta alle Residenze Sabaude di Agliè Racconigi e Torino, 100 Chiese di Roma, la Galleria Corsini, la Casa di Augusto sul Palatino….e tanto altro
    Tutto realizzato senza un centesimo di contributo pubblico o privato.

  1. 22 dicembre 2013

    […] Historia del arte  […]

  2. 17 marzo 2014

    […] MT"@ArtandCulture: ARCHITETTURA / DIDATTICA / STORIA DELL'ARTE / VIDEO Studiare l’arte con le visite virtuali http://t.co/t1d0A20aFx"  […]

  3. 17 marzo 2014

    […] Studiare l’arte con le visite virtuali […]

  4. 29 marzo 2014

    […]   […]

  5. 25 aprile 2015

    […] Studiare l’arte con le visite virtuali. Geometria ed arte: il quadrato. Arte a scuola — Creativity in the classroom and in life. Quando i colori si incontrano sulla tela. Calligrafia, l’arte della bella scrittura | DidatticarteBlog. […]

  6. 30 giugno 2015

    […] Letteratura italiana. Per "letteratura italiana" intendiamo un campo vastissimo di opere, autori, testi e scritti che coprono un larghissimo arco cronologico, che va dal Duecento ai giorni nostri. In tale accezione, la storia della letteratura si intreccia indissolubilmente con la storia della lingua (e quindi con l'emersione del volgare italiano dal latino e con la sua evoluzione come lingua letteraria e poi come lingua dell'Italia unita), con la storia della cultura (in cui si alternano periodi di prestigio e di egemonia della Penisola e altri di declino sociale ed artistico) e con la storia economico-politica (che in certi frangenti orienta e condiziona la visione del mondo degli scrittori). Lezione sull'Infinito di Leopardi.wmv. L'italiano con la lim. Studiare l’arte con le visite virtuali. […]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *